I forti e la difesa permanente del Friuli
0 0 0
Libri Moderni

Pascoli, Marco - VAZZAZ, Andrea

I forti e la difesa permanente del Friuli

Abstract: Nel primo quindicennio del '900, il Regio Esercito costruì una quarantina fra forti e appostamenti sul territorio friulano. Vennero costituite tre piazzeforti, disposte lungo il bacino del Fiume Tagliamento. Agli impianti armati si accompagnò l'edificazione di strade, tronchi ferroviari, polveriere e ricoveri alpini, che completarono la difesa permanente della regione nord-orientale d'Italia. Durante il Primo conflitto mondiale molti fortilizi furono disarmati, altri conservarono i pezzi d'artiglieria. Comunque, proprio i territori militarizzati in tempo di pace conobbero le battaglie determinanti della ritirata di Caporetto, che nell'autunno 1917 salvarono le sorti della campagna italiana. Questo libro guida il lettore alla riscoperta delle vicende storiche e degli itinerari di visita alle fortezze del Friuli, orientandolo nella comprensione di uno dei maggiori campi di battaglia della Grande Guerra.


Titolo e contributi: I forti e la difesa permanente del Friuli : passeggiate e itinerari storici nel maggiore campo di battaglia italiano della Grande Guerra / Marco Pascoli, Andrea Vazzaz

Pubblicazione: Udine : Gaspari, 2016

Descrizione fisica: 204 p. : ill. ; 21 cm

ISBN: 978-88-7541-480-1

Data:2016

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi:

Soggetti:

Classi: 940.345393 [22]

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2016
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: saggi

Sono presenti 2 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Ronchi dei Legionari 940.345393 F PAS 7-99795 Su scaffale Disponibile
Fogliano Redipuglia Grande Guerra 940.3 PAS 18-19722 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.