Cori e canti bisiachi
0 0 0
Libri Moderni

Kubik, Rodolfo

Cori e canti bisiachi

Abstract: Presentazione; Foto del Maestro Rodolfo Kubik; La vita e l'oper del Maestro Rodolfo Kubik; Canti d'amore; L'Opera; Vizilia de 'na volta - poesia; Vizilia de 'na volta - musica per coro virile; Vizilia de 'na volta - musica per coro misto; Amena bisiaca n. 1 - poesia; Amena bisiaca n. 1 - musica per coro virile; Amena bisiaca n. 1 - musica per coro misto; Sotonote de lulio - poesia; Sotonote de lulio - musica per coro misto; Vermean - poesia; Vermean - musica per coro virile e piano; Como nova piova - poesia; Como novo piova - musica per coro virile e pianoforte; L'ora d enote - poesia; L'ora de note - musica per voce e pianoforte; Anema bisiaca n. 2 - poesia; Anema bisiaca n. 2 - musica per coro misto; Contrasti ta 'l stomego - poesia; Contrasti ta 'l stomego - musica per coro virile; A Beàn - poesia; A Beàn - musica per coro misto; Sere de vent - poesia; Sere de vent - musica per voce e pianoforte; Serenada - poesia; Serenada - musica per coro virile; A Staranzan - poesia; A Staranzan - musica per coro misto; Al me gril - poesia; Al me gril - musica per coro virile; Al me gril - musica per coro misto; Al gua - poesia; Al gua - musica per coro virile; Oltra 'l sòn del temp - poesia; Oltra 'l sòn del temp - musica per voce e piano; La cavra - poesia; La cavra - musica per coro virile; La cavra - musica per coro misto; Santa Lùzia - poesia; Santa Lùzia - musica per coro virile; Sinfunia - poesia; Sinfunia - musica per coro misto e pianoforte.


Titolo e contributi: Cori e canti bisiachi / Rodolfo Kubik ; a cura di Silvio Domini

Pubblicazione: Ronchi dei Legionari : Comune di Ronchi dei Legionari ; Centro Culturale Pubblico Polivalente ; Associazione Culturale Bisiaca, 1989

Descrizione fisica: 264 p. : ill. ; 29 cm

Data:1989

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • «Nato istriano, vissuto da giovane a Ronchi e divenuto friulano per amore e per scelta culturale»: con queste parole Celso Macor sintetizza la vita movimentata e spesso drammatica di K., nato a Pola nel 1901 e giunto a Ronchi dei Legionari due anni dopo. Il padre, direttore della banda cittadina locale, lo avviò ben presto allo studio della musica e alla pratica di diversi strumenti. Superati i difficili anni della guerra, che lo avevano portato come profugo a Wagna in Stiria, iniziò a seguire le lezioni di composizione di Antonio Illersberg, che notò subito in lui «una straordinaria facoltà creativa» e «una specialissima naturale attitudine quale istruttore ed animatore di complessi corali». All’attività compositiva K. iniziò ben presto ad affiancare quella organizzativa, fondando la Società filarmonica Giuseppe Verdi e dirigendo il coro e l’orchestra cittadini. Il mancato ottenimento della cittadinanza italiana rese molto difficile la sua permanenza in Friuli, cosicché nel 1923 si recò a Vienna per seguire le lezioni di Arnold Schoenberg. Nella capitale ebbe modo di approfondire il proprio bagaglio culturale e di farsi conoscere in molte sale e teatri. Non senza rimpianti fu costretto a rientrare in Italia nel 1926, ma, già l’anno seguente, era in partenza per l’Argentina per sfuggire al regime fascista. Dopo un inizio molto faticoso, in cui le ristrettezze economiche si unirono alla malinconia per la lontananza dalla patria, egli iniziò una brillante carriera direttoriale, compositiva e didattica. Sostenuto dai circoli italiani, K. divenne ben presto un punto di riferimento della vita musicale di Buenos Aires. Fu, infatti, a capo del coro dell’Associazione argentina di musica da camera, direttore delle orchestre e dei cori di LR 2 Radio Argentina, Radio Cultura e di molte altre emittenti. Nel 1940 fondò il Coro universitario di La Plata e venne nominato direttore dell’Associazione argentina di musica corale, realizzando il sogno che aveva sempre nutrito nel corso della sua vita. Tutti questi impegni non lo portarono a trascurare la composizione. Le sue opere ricevettero lusinghieri apprezzamenti anche da parte di Hector Villa-Lobos, a testimonianza della maniera con cui allora K. era tenuto in considerazione nell’ambito della vita musicale sudamericana. Il ricordo costante del Friuli lo portò a scrivere ed elaborare molte villotte e una commedia quale omaggio alle varie comunità friulane che vivevano in America: Va vilote puartade dal vint. Qui K. cercò una singolare fusione tra la musica popolare del Paese latinoamericano e i colori tenui e nostalgici della villotta. Nel 1944 fece anche rappresentare la commedia musicale in tre atti su temi popolari friulani e musiche originali Furlans pal mont. Il rientro a Ronchi negli anni della vecchiaia – «perché forse non si è di nessun paese, più che del paese dell’infanzia», scrisse citando Rilke – non comportò la rinuncia al consueto attivismo, che lo spingeva instancabilmente a fondare cori e formazioni musicali. Celebre fu una sua direzione delle opere di Iacopo Tomadini nel duomo di Cividale il 3 marzo 1963. Allo stesso tempo, grazie anche all’amicizia con il poeta Silvio Domini, mantenne vivo il contatto con l’amata cultura bisiaca, alla quale dedicò molte pagine musicali. Le sollecitazioni del maestro Pietro Poclen, direttore della Corale monfalconese S. Ambrogio, lo fecero anche avvicinare alla poesia di Biagio Marin di cui K. musicò Che l’ha, che l’ha, Me ‘speto sempre, Mamole d’aprile e Fogie, fiori, fruti. Le ultime due sarebbero state eseguite nell’autunno del 1983 a Grado, nel giardino della casa del poeta, due anni prima della scomparsa del maestro avvenuta a Buenos Aires nel 1985.

Nomi: (Compositore)

Soggetti:

Classi: 782.4209453925 [22]

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 1989

Sono presenti 12 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Ronchi dei Legionari 782.502 63 F2/KUB RON 7-14274 Su scaffale Disponibile
Biblioteca CCM FONDO LOCALE 780 F2/KUB CCM 15-4751 In deposito Disponibile
Biblioteca CCM FONDO LOCALE 780 F2/KUB CCM 15-4750 Su scaffale Disponibile
San Pier d'Isonzo FONDO LOCALE 782.5 F2 KUB 11-2704 Su scaffale Disponibile
Turriaco 782.502 63 F2 M/KUB TUR 13-4934 Su scaffale Disponibile
Romans d'Isonzo F 782.502 KUB 23-5444 Su scaffale Disponibile
Sagrado 782.502 63 F KUB 9-3417 Su scaffale Disponibile
Pieris-San Canzian d'Is. esemplare FL a San Canzian GF 782.50263 F2 KUB 10-8973 Su scaffale Disponibile
Staranzano LOCALE 782.502 KUB 12-8530 Su scaffale Disponibile
Monfalcone FVG 782 KUB 6-22251 Su scaffale Disponibile
Fogliano Redipuglia 782.502 63 F2/KUB 18-4209 Su scaffale Disponibile
Gradisca d'Isonzo 784.4F/KUB GRS 4-9305 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.