Trovati 403 documenti.

Vengono dal mare
0 0 0
Libri Moderni

Cirillo, Alessandro

Vengono dal mare / Alessandro Cirillo ; con una prefazione di Andrea Botto e un saggio di pauline Dumora

Siena : Seipersei, 2023

Abstract: Queste fotografie di Alessandro Cirillo fanno parte di un’unica azione performativa di cui lui stesso è attore, adottandone in qualche modo la pratica. Non solo i corpi dei migranti diventano immagine, ma le sue immagini plastiche di quei corpi diventano a loro volta un corpo unico, assumendone la materialità e la agency. Chi guarda queste immagini lo fa attraverso gli occhi dell’autore, provando la sua stessa empatia. Si immedesima in lui, ma anche nelle persone ritratte, nella loro esperienza drammatica di vita, condividendo un percorso di conoscenza. È un coraggio di conoscere. Esiste nel teatro – così come nella performance – una componente di immedesimazione, di “farsi” immagine, come se ciò che si fa o si vede diventasse immagine materiale con un proprio corpus e una propria presenza. L’immaginazione ci consente di creare un’immagine di noi o di qualcosa che ci appartiene per poi guardarla da fuori, come si usa in psicoterapia per superare traumi o come accade normalmente nella pratica artistica.

Acquaintance
0 0 0
Libri Moderni

Cavallari, Max

Acquaintance : Search and Rescue in the Mediterranean Sea / Max Cavallari

Siena : Seipersei, 2023

Abstract: Acquaintance racconta i 40 giorni di Search and Rescue della nave Humanity 1 nel mar Mediterraneo. Il 3 ottobre 2022, dal porto di Palermo, inizia la traversata del fotografo Max Cavallari insieme ai volontari della missione. Tra il 22 e il 24 Ottobre avvengono 3 soccorsi in mare recuperando 180 persone su 3 differenti imbarcazioni. Ci sono volute 21 richieste di porto sicuro prima che venisse assegnato un luogo di sbarco, ma non a tutti fu permesso di scendere: 45 persone furono considerate “in buona salute” e per questo bloccate in un “limbo” sul ponte della nave ormeggiata al porto di Catania. Una storia ciclica che avviene nel mar Mediterraneo da almeno 10 anni.

Le cinque vite di Lisetta Carmi
0 0 0
Libri Moderni

Calvenzi, Giovanna

Le cinque vite di Lisetta Carmi / Giovanna Calvenzi

Roma : Contrasto, 2023

In parole

Abstract: Cinque vite differenti, cinque momenti diversi ma inevitabilmente collegati tra loro. L’esistenza di Lisetta Carmi (1924-2022), figlia della buona borghesia di Genova, giovane e promettente pianista che decide poi di diventare una fotografa intensa e impegnata e infine, di scegliere un profondo cammino spirituale, è sempre stata animata da grandi passioni da vivere, da curiosità verso personaggi e avvenimenti da comprendere, da nuove esperienze da affrontare. A noi, oggi, rimane il suo esempio, le sue ricognizioni fotografiche che hanno fatto epoca, come quelle tra i lavoratori del porto di Genova o nella comunità dei Travestiti degli anni Sessanta, e che dimostrano quanto il suo sguardo e la sua grande empatia, abbiano fatto di lei un’interprete originale e profonda del nostro tempo. Giovanna Calvenzi ha rivissuto con Lisetta il filo delle sue cinque vite e grazie anche alle testimonianze di amici e conoscenti, ha ricostruito il suo cammino, le sue lotte, la sua visione, in un racconto emozionante e unico. “Quando si lavora con Lisetta Carmi le coincidenze, gli intrecci poco spiegabili, i rimandi imprevisti e imprevedibili sono all’ordine del giorno. Perché Lisetta Carmi è una donna davvero speciale, concreta e spirituale, generosa e disponibile, che sa esattamente quello che fa e quello che vuole ma aperta a ogni possibile nuova idea” scrive Giovanna Calvenzi.

Il sogno del cinema
0 0 0
Libri Moderni

Spinotti, Dante

Il sogno del cinema : la mia vita, un film alla volta / Dante Spinotti ; con Nicola Lucchi

Milano : La nave di Teseo, 2023

Le polene ; 17

Abstract: Dante Spinotti è uno dei più importanti, famosi e premiati direttori della fotografia italiani di sempre. La sua vita e la sua carriera sono state un lungo viaggio che l’ha portato, dalla natia Carnia, a Hollywood, dove, nel corso degli anni, ha collaborato con grandi registi a capolavori indimenticabili. Dagli esordi come fotografo della squadra di calcio del suo paese, passa poi un periodo in Africa come assistente dello zio, regista di documentari, prendendo per la prima volta in mano una cinepresa. Tornato a Milano, sperimenta il mondo della pubblicità. Successivamente entra in RAI dove partecipa, prima come tecnico e poi come direttore della fotografia, alle prime produzioni televisive importanti della sua carriera, riuscendo a coronare il sogno di lavorare nel cinema. Si trasferisce quindi a Roma e collabora con grandi registi come Sergio Citti, Gabriele Salvatores, Lina Wertmüller, Liliana Cavani ed Ermanno Olmi, prima di conoscere Dino De Laurentiis che lo porta a Hollywood per lavorare con Michael Mann a Manhunter. Da lì in poi vive e lavora tra l’Italia e gli Stati Uniti, collaborando con registi come Sam Raimi, Curtis Hanson, Roland Joffe, Brett Ratner, Bruce Beresford e Michael Apted, venendo premiato con un BAFTA per L’ultimo dei Mohicani e candidato agli Oscar per la fotografia di L.A. Confidential e Insider – Dietro la verità. Sua è anche la fotografia del film di Barry Levinson, con Robert De Niro, prossimamente al cinema. Dante Spinotti, insieme a Nicola Lucchi, racconta la sua vita senza reticenze, tra incontri con divi e registi che hanno fatto la storia del cinema, collaborazioni importanti, innovazioni, successi e delusioni che l’hanno portato a essere riconosciuto nel mondo come uno dei migliori direttori della fotografia della nostra epoca.

No Home from War
0 0 0
Libri Moderni

Prickett, Ivor

No Home from War : Tales of Survival and Loss / Ivor Prickett

Reggio Emilia : Collezione Maramotti ; Roma : Contrasto, 2023

Abstract: Un termine che spesso ritorna nei lavori di Ivor Prickett – fotografo irlandese, classe 1983, tra gli sguardi più interessanti della fotografia contemporanea – è home, “casa”. Dal 2006 in poi, nelle sue immagini che registrano i tumulti e le vicissitudini dei diversi fronti di guerra che hanno sconvolto e ancora sconvolgono l’Europa, per molti la casa è un miraggio lontano, una perdita irreparabile, un luogo del ricordo dove le centinaia di displaced della guerra non riusciranno forse a tornare mai, il sogno di chi è ormai costretto ad accontentarsi di centri di raccolta, campi profughi, sistemazioni momentanee che rischiano di diventare poi tragica e assoluta permanenza. No Home from War è il titolo di questa bellissima retrospettiva, la prima italiana, realizzata in contemporanea con la mostra omonima che inaugura a Reggio Emilia, presso la Fondazione Maramotti, per il Festival Fotografia Europea. “Non si torna a casa dalla guerra”, ci avverte Ivor e nelle sue immagini a colori, perfette nella loro costruzione plastica, intense e struggenti nei colori tenui, ritroviamo i volti e i gesti di chi ha perso tutto, casa e identità. In oltre cinquanta grandi immagini, Prickett ci invita così a percorrere con lui un viaggio, nello spazio e nel tempo. Partendo da una dimensione intima e domestica, caratterizzata dai con itti umani e sociali in Croazia e Abkhasia, il fotografo si è spostato nei luoghi di migrazione forzata, nelle terre di ricercato rifugio in Medio Oriente e in Europa, no a giungere in prima linea nelle zone di combattimento come l’Iraq o la martoriata Ucraina, documentata proprio in questi ultimi mesi. Un lavoro magistrale, intenso e delicato di uno dei giovani maestri della fotografia e del fotogiornalismo internazionale. Con un testo di Arianna Rinaldo. Il catalogo esce in contemporanea con la mostra che inaugurerà il 30 aprile 2023 preso la Collezione Maramotti, Reggio Emilia, nell’ambito del Festival Fotografia Europea.

Amuri di petra
0 0 0
Libri Moderni

Fella, Mara

Amuri di petra : Lampedusa, l'isola che c'è / Mara Fella ; mostra e catalogo a cura di Angelo Bertani e Claudio Cattaruzza ; testi di Marco Aime, Angelo Bertani, Claudio Cattaruzza, Mara Fella

Pordenone : Thesis Associazione Culturale, 2023

Abstract: Un’isola di per sé è sempre carica di valori simbolici: è una dimensione al tempo stesso chiusa e aperta, introversa ed estroversa; è scoglio di naufragi e miraggio salvifico. Anche Lampedusa non si sottrae a questo immaginario, anzi lo amplifica di nuovi significati diventando di fatto porta d’Europa, di un mondo nuovo per genti nuove. Farsi carico di tante attese e di tanti timori, spesso strumentalmente enfatizzati, è un compito gravoso e al tempo stesso moralmente nobile per una piccola isola. Mara Fella è approdata su quella terra circondata da un mare profondo e ne ha riportato un diario antiretorico per immagini fotografiche, diario di umanità isolana e testimone indiretto di mille e mille disperati sbarchi carichi di speranza. Fotografa indipendente. Nei suoi lavori in bianco e nero si concentra principalmente sul rapporto tra l’uomo e l’ambiente circostante. In alcuni progetti il colore rimane una caratteristica visiva essenziale, naturalmente focalizzata su una tavolozza desaturata. Alterna fotografia chimica e digitale, affrontando temi sociali come la migrazione, le identità femminili e le relazioni intergenerazionali. Tra i suoi progetti più significativi, i reportage: Game_and again, Cosa sai che non so?, Kisumondogo, Periferie, Promise. Nel 2020 riceve un importante attestato di apprezzamento dal MoMA (Museum of Modern Art di New York) dopo aver frequentato con successo il corso “Seeing Trough Photographs” e sempre nello stesso anno viene inserita dal Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotografia nell’elenco dei migliori fotografi del Friuli Venezia Giulia. Ha tenuto diverse mostre personali e collettive e svolge regolarmente docenze e workshop di fotografia per ragazzi ed adulti.

Cose mai viste
0 0 0
Libri Moderni

Berengo Gardin, Gianni

Cose mai viste : fotografie inedite / Gianni Berengo Gardin ; con un testo di Maurizio Maggiani

Roma : Contrasto, 2023

Abstract: Lo sguardo di un maestro della fotografia italiana e internazionale attraverso oltre 120 fotografie inedite. “Cose mai viste. Fotografie inedite” di Gianni Berengo Gardin è il 263esimo libro del grande protagonista della fotografia italiana, che racchiude una serie di immagini “nuove”, mai viste prima, riemerse dopo un attento lavoro di selezione; fotografie all’epoca rimaste indietro, sepolte da altre o più semplicemente trascurate in quel momento. Suddiviso in due atti - con fotografie che spaziano dall’indagine sociale alla vita quotidiana, dal mondo del lavoro fino all’architettura e al paesaggio - è arricchito da un testo dello scrittore Maurizio Maggiani. Immagini che vanno dal 1954 al 2019 e che ci fanno girare il mondo con alcuni sguardi inediti sulla realtà. Un libro che conferma ancora una volta Berengo Gardin come maestro del bianco e nero che ha costruito un patrimonio visivo unico dell’Italia dal dopoguerra a oggi (e non solo del nostro Pese), caratterizzato da un’assoluta coerenza nelle scelte linguistiche e da un approccio “artigianale” al suo lavoro. Nelle inchieste sociali, così come nei paesaggi, o nelle ricognizioni sul mondo del lavoro, il soggetto principale della sua ricerca è sempre l’uomo, colto nella relazione emotiva, psicologica e profonda con l’ambiente che lo circonda. Interprete sensibile e partecipe, Gianni Berengo Gardin ha osservato tante volte il mondo tornando e ritornando a visitare luoghi che col tempo sono diventati familiari al suo sguardo e alla nostra memoria. Con questo sorprendente volume, Gianni Berengo Gardin ci presenta istantanee che, una volta in più, rivelano il tocco geniale del grande artigiano, la sapienza del narratore attento che riesce sempre a meravigliare con la forza e la poesia del suo sguardo.

Orfani del vento
0 0 0
Libri Moderni

D'Amico, Tano

Orfani del vento : l’autunno degli zingari / Tano D'Amico

Milano ; Udine : Mimesis, 2022

Sguardi e visioni

Abstract: Una natura comune lega indissolubilmente zingari e immagini. Il popolo Rom ci sta accanto quando le parole non bastano, quando le parole non possono racchiudere, definire, circoscrivere quello che la realtà provoca in noi. Sono un popolo da guardare, da ascoltare, ancor più che da leggere. La parola scritta non li ha mai amati, l’immagine sempre. In questo libro Tano D’Amico, attraverso alcuni scatti memorabili, ci fa immergere nella cultura e nella storia di un popolo che non ha mai avuto capi o condottieri. Un popolo sempre in cammino, senza una patria, convinto che la terra non vada posseduta. L’unico popolo che non ha mai fatto guerra a un altro popolo. Una cultura, la loro, senza mura, senza torri. Una cultura orizzontale come una tenda, come una strada, come una decisione che si prende tutti quanti insieme.

Le foto che hanno segnato un'epoca
0 0 0
Libri Moderni

Vitale, Roberto

Le foto che hanno segnato un'epoca / Roberto Vitale ; illustrazioni di Roby Il Pettirosso

Padova : BeccoGiallo, 2022

Abstract: La ragazza afghana, il bambino di Nagasaki, il corpo senza vita di Federico Aldrovandi, Christopher McCandless davanti al Magic Bus in Alaska, Ruby Bridges al suo primo giorno di scuola, il bambino africano e l'avvoltoio alle sue spalle, il clown killer che ha ispirato Stephen King, la prima donna alla maratona di Boston, il soldato giapponese che non credeva alla fine della guerra, il monaco buddista che si diede fuoco per l'uguaglianza religiosa. Roberto Vitale, autore della pagina "Le foto che hanno segnato un'epoca", racconta le indimenticabili, drammatiche, immortali storie che si nascondono dietro gli scatti che oggi fanno parte della nostra memoria.

Vita di Vivian Maier
0 0 0
Libri Moderni

Marks, Ann

Vita di Vivian Maier : la storia sconosciuta di una donna libera / Ann Marks ; traduzione di Chiara Baffa

Milano : UTET, 2022

Abstract: Nella periferia di Los Angeles, il 17 luglio 1955, apriva per la prima volta i suoi cancelli Disneyland. Quasi trentamila persone si riversarono nei viali mai calpestati prima, un fiume in piena di bambini pronti a lasciarsi meravigliare. Lì, tra famiglie, figuranti e pupazzi, c'era Vivian Maier, una tata di origine francese da poco trasferitasi sulla West Coast in cerca di un nuovo incarico. La donna girovagava da sola tra la folla con una macchina fotografica in mano: dopo anni di scatti in bianco e nero, aveva deciso di passare al colore per immortalare gli attori travestiti da nativi americani e i castelli di cartapesta, per rendere giustizia a quell'atmosfera sognante e un po' finta. Ma conclusa la gita, quelle foto non furono viste da nessuno, come le altre decine di migliaia di immagini che Vivian Maier scattò e tenne nascoste agli occhi del mondo per decenni. La storia del loro ritrovamento è già leggendaria: montagne di rullini chiusi in scatole di cartone fino al 2007, quando per un caso fortunato John Maloof, il figlio di un rigattiere di Chicago, acquistò in blocco il contenuto di un box espropriato. All'interno trovò un archivio brulicante di autenticità e umanità, il patrimonio di una fotografa sconosciuta che in pochi anni sarebbe stata celebrata in tutto il mondo. Ma mentre le sue opere diventavano sempre più popolari, la sua biografia restava un segreto impenetrabile, perché Vivian aveva sepolto il suo talento con la stessa cura e riserbo con cui aveva protetto la sua vita. Adesso, grazie alla meticolosa ricerca investigativa di Ann Marks, che ha avuto accesso a documenti personali e fonti di primissima mano, quelle vicende personali finora oscure vengono sottratte all'oblio, al mistero e alla leggenda. \"Vita di Vivian Maier\" rivela in tutta la sua complessità la storia di una donna fuggita da una famiglia disfunzionale, fra illegittimità, abuso di sostanze, violenza e malattia mentale, per poter finalmente vivere alle sue condizioni. Nessuno, neanche le famiglie presso cui prestava servizio, aveva idea che quella bambinaia di provincia nascondesse uno dei maggiori talenti fotografici del periodo, in grado di ritrarre le disparità e le ingiustizie degli Stati Uniti del boom economico, le persone comuni, i bambini, la semplice vita urbana. In questo, che trabocca di foto (anche inedite), l'opera e la vita finalmente si intrecciano in un'unica storia: il ritratto che emerge è quello di una sopravvissuta, fiduciosa nel suo talento nonostante le sfide della malattia mentale, una donna socialmente consapevole, straordinariamente complessa e soprattutto libera.

Eveningside
0 0 0
Libri Moderni

Crewdson, Gregory

Eveningside / Gregory Crewdson ; Jean-Charles Vergne

Milano : Gallerie d'Italia : Skira, 2022

Abstract: Riunite per la prima volta, quattro serie di uno dei maggiori esponenti della staged photography. La prima monografia italiana sull'artista Nel corso degli ultimi trent'anni, Gregory Crewdson ha composto un ritratto della Middle America, un'America dagli occhi sgranati sulle luci di un sogno evanescente. Le sue fotografie, messe in scena facendo ricorso ai mezzi propri del cinema, hanno legato insieme i frammenti di un mondo crepuscolare. Questo libro riunisce le tre serie concepite tra il 2012 e il 2022: Cathedral of the Pines (2012-2014), An Eclipse of Moths (2018-2019) ed Eveningside (2021-2022). Pensate come una trilogia, esse offrono una prospettiva inedita su un decennio di creazione e restituiscono una panoramica completa dell'universo che ha fatto di Gregory Crewdson una delle figure fondamentali della fotografia. Questa trilogia è preceduta da Fireflies (1996), una serie essenziale per cogliere il rimestio delle correnti che si agitano in profondità nell'arte di Gregory Crewdson. Jean-Charles Vergne, critico d'arte, editore di libri d'arte e curatore, è direttore del FRAC Auvergne dal 1996. Interessato ad artisti come Luc Tuymans, Albert Oehlen, Richard Tuttle, David Lynch, Darren Almond, Eberhard Havekost, Raoul de Keyser, Katharina Grosse, ha curato oltre 150 mostre. È stato membro della commissione del Fond national d'art contemporain - Fnac dal 2008 al 2011. Postfazione di Antonio Carloni.

Invisibile
0 0 0
Libri Moderni

Fontana, Franco <1933- >

Invisibile / Franco Fontana ; [testo di Lorenzo Respi]

Milano : Lazy Dog, 2022

Abstract: La fotografia è un atto di autocoscienza verso se stessi e il proprio background culturale. In sessant’anni di carriera Franco Fontana ha fotografato ciò che non si vede, riuscendo a fissare attraverso l’inquadratura un’immagine ‘altra’ che si astrae dalla realtà, libera dal soggetto ritratto. La geometria, le proporzioni e la composizione gli hanno permesso di raggiungere per gradi progressivi una sintesi concettuale che si è tradotta in unità linguistica e nella sua manifestazione formale, le immagini. Oggi la crisi della società liquida apre all’autore l’opportunità di esplorare nuovi territori dell’invisibile ‘a occhio nudo’, ampliando l’orizzonte visivo e l’impianto iconografico pur mantenendo coerenza stilistica e identitaria. Se l’unità ha origine dall’ibridazione delle differenze, dall’affermazione dell’unità stessa originano le differenze, in un sistema in equilibrio costante tra concettuale e formale, invisibile e visibile. "Invisibile", un libro di 168 pagine con oltre 100 fotografie, è la restituzione di una meticolosa ricerca d’archivio da cui sono emersi molti scatti inediti: dalle ricerche più sperimentali fino a prove più intime di libertà espressiva, che costituiscono il terreno fertile da cui è cresciuto lo stile inconfondibile che ha reso celebre Franco Fontana a livello internazionale. Dedicato a chi conosce o si avvicina al percorso espressivo dell’autore, a chi desidera esplorare quello spazio interiore, oltre la realtà, che attiene all’interpretazione soggettiva, dove si va alla ricerca dell’immagine che ancora non c’è e che soltanto la sensibilità dell’occhio del fotografo sa cogliere e tradurre in uno scatto unico e irripetibile. Così, improvvisamente, l’invisibile diventa visibile.

Introduzione alla fotografia naturalistica
0 0 0
Libri Moderni

Corazza, Iago

Introduzione alla fotografia naturalistica : tecniche e consigli pratici / Iago Corazza ; consulente naturalistico Massimiliano Biasoli ; progetto grafico Silvia Galliani

Milano : White Star, 2022

National Geographic

Abstract: Dedicato agli appassionati di fotografia naturalistica, questo manuale offre non solo spiegazioni tecniche e suggerimenti pratici, ma anche importanti informazioni sulla vita nella natura e sul comportamento animale, essenziali per riuscire a realizzare foto spettacolari ed efficaci a "impatto zero" sull'ambiente. Un punto di vista inedito, dunque, per un manuale di fotografia: quello del soggetto, del protagonista dello scatto. Una guida preziosa per aspiranti fotografi e per amanti della natura.

Fotografia architettonica
0 0 0
Libri Moderni

Schulz, Adrian

Fotografia architettonica : l'attrezzatura, lo scatto, la post-produzione / Adrian Schulz

Milano : Apogeo, 2022

Abstract: La fotografia d'architettura racconta forme, linee e aspetto di edifi ci e strutture meglio di qualsiasi altro mezzo. Sempre più architetti, interior designer e professionisti del settore immobiliare stanno scoprendo le opportunità che questo affascinante genere fotografico offre per presentare e promuovere il loro lavoro. Quali sono gli ingredienti per realizzare uno scatto architettonico di successo? Questo libro risponde alla domanda offrendo una panoramica completa del mondo della fotografia d'architettura. Si va dalla scelta dell'attrezzatura all'analisi di tecniche di composizione e scatto, passando per lo studio della luce, l'utilizzo di filtri e accessori fino agli strumenti di postproduzione delle immagini. Una guida efficace, ricca di esempi da cui prendere spunto, adatta sia agli aspiranti fotografi interessati a muovere i primi passi sia ai professionisti che vogliono migliorare le proprie conoscenze e capacità, ma non solo: anche architetti e designer vi troveranno un'utile fonte di ispirazione per il proprio lavoro.

Architetture e interni
0 0 0
Libri Moderni

Schulz, Adrian

Architetture e interni : corso completo di tecnica fotografica / Adrian Schulz

Milano : White Star, 2022

National Geographic

Abstract: Una guida alla fotografia di architettura, adatta sia per i fotografi dilettanti sia per i professionisti che vogliono ampliare le proprie competenze in questo campo. Usando immagini di progetti reali, l'autore vi insegnerà a ottenere eccellenti scatti di edifici, sia all'esterno che all'interno, a scegliere la giusta attrezzatura e a usarla al meglio, a lavorare con la luce ambientale e artificiale e a comporre perfette inquadrature.

Metropoli e fotografia
0 0 0
Libri Moderni

De Simone, Antonio

Metropoli e fotografia : da Simmel a Benjamin e oltre : costellazioni filosofiche / Antonio De Simone

Milano ; Udine : Mimesis, 2022

Filosofie ; 795

Abstract: In "Metropoli e fotografia", Antonio De Simone in un originale intrico narrativo, critico e interpretativo, ci offre un documentato dossier storico-filosofico, sociologico ed estetico volto, nella scena del presente, a far conoscere le costellazioni d'analisi con cui Georg Simmel, Siegfried Kracauer, Walter Benjamin e Roland Barthes hanno letto nel Novecento la morfologia dell'esperienza umana dello spazio urbano della metropoli moderna e la nascita e gli sviluppi della fotografia contemporanea. In particolare, come si può leggere in questo libro, è all'«avventuriero dello spirito» per antonomasia, cioè a Simmel, che occorre ancora rivolgersi per comprendere non solo la sensibilità della vita moderna e le forme del suo individualismo, ma anche il complesso intreccio tipologico delle figure sociali e forme di vita relative al divenire spaziale e urbano dell'essere, ovvero della forma urbis e dell'homo urbanus e al fenomeno della metropoli e della metropolizzazione della società che produce una nuova soggettività in cui il tempo e lo spazio sono trasformati dagli chocs quotidiani percepiti e vissuti dall'abitare umano nell'esposizione psicofisica al mutamento pervaso dal principio e dal mondo dell'utile. Parimenti, è al genio filosofico e critico di Benjamin che dobbiamo una delle più sorprendenti letture "filosofiche" del rapporto tra spazio, esperienza, città, arte, aura, riproducibilità tecnica e fotografia e tra capitalismo, religione e metropoli, indispensabile per intenderne la loro rilevanza umana, sociale, culturale, politica e storica nel Moderno. Inoltre, si deve ancora a Barthes il gesto intellettuale che ha disvelato criticamente il senso e il significato della semiologia delle immagini, dell'irriducibile singolarità e della scrittura del visibile che si traducono nell'esperienza soggettiva della fotografia nella nostra contemporaneità.

Sabine Weiss
0 0 0
Libri Moderni

Sabine Weiss : la poesia dell'istante = The Poetry of the Instant / a cura di = edited by Virginie Chardin

Venezia : Marsilio, 2022

Marsilio arte

Abstract: Nata in Svizzera nel 1924, naturalizzata francese nel 1995 e scomparsa all'età di 97 anni lo scorso 28 dicembre 2021, Sabine Weiss ha vissuto e lavorato per oltre settant'anni nella sua casa di Parigi, sede anche del suo archivio. Mai aneddotica, la grande fotografa ha sempre cercato di raccontare nei suoi scatti i piccoli gesti, immortalando emozioni e sentimenti, in linea con l'approccio della fotografia umanista francese. «A differenza di Cartier-Bresson, Doisneau, Brassaï o Izis - sottolinea la curatrice Virginie Chardin - Sabine Weiss non costruisce le sue immagini come un dipinto o una scena, né metaforicamente per difendere un punto di vista o far passare un messaggio sotto forma di allusione. Le sue inquadrature discendono da un'esperienza intima, uno slancio spontaneo e intuitivo verso il soggetto». Weiss si avvicina alla fotografia giovanissima grazie ai Boissonnas e dalla metà degli anni Quaranta diviene l'assistente di Willy Maywald, specializzandosi nella moda e nel ritratto. Negli anni Cinquanta comincia la sua strada in qualità di fotografa indipendente e frequenta insieme al marito, il pittore americano Hugh Weiss, altri artisti, scultori, musicisti tra i quali Braque, Chagall, Giacometti, Niki de Saint Phalle, Utrillo. Il volume ripercorre l'intera carriera della fotografa, dai reportage per le riviste più importanti e popolari dell'epoca, quali The New York Times Magazine, Life, Newsweek, Vogue, Paris Match, Esquire, ai ritratti di artisti, dalla moda agli scatti di strada con particolare attenzione ai volti dei bambini, fino ai numerosi viaggi per il mondo. Il saggio della curatrice Virginie Chardin ripercorre la vita e il lavoro di Weiss, mentre il testo del direttore artistico della Casa dei Tre Oci, Denis Curti, analizza l'esperienza di Weiss alla luce di un confronto tra la fotografia umanista francese e il neorealismo italiano. Il catalogo propone, inoltre, un'appendice che racchiude la biografia aggiornata della fotografa, accompagnata da illustrazioni di documenti storici e riviste, insieme a una selezione di mostre personali e collettive e un'accurata bibliografia dell'artista.

Fotografia Zeropixel Spazi
0 0 0
Libri Moderni

Fotografia Zeropixel Spazi : Trieste, 17-27 novembre 2022, 9° edizione

Trieste : Silver Age, 2022

Abstract: Come ogni anno è stato scelto un tema da sviluppare e da proporre agli autori, quest’anno si è valutato spazi. In questi ultimi due anni la pandemia ha riscritto per tutti il concetto di spazio, che è stato rielaborato in molti aspetti della vita di ognuno di noi. Gli autori in mostra hanno indagato sul tema e ciascun ne ha proposto una personale visione, a volte più figurativa, a volte più astratta, intima, in alcuni casi sono stati apportati dei contributi storici, in altri delle proiezioni rivolte al futuro. Uno spettro di proposte mai così ampio, che a livello temporale copre un periodo di oltre cento anni. In questa edizione di Fotografia Zeropixel si è andati oltre, è stato infatti possibile riprendere delle preziose fotografie su lastre in vetro trattate al bromuro d’argento, non più recenti del 1914, farle letteralmente rivivere sotto la luce di oltre un secolo successivamente la loro produzione e, con una stampa chimica realizzata ai giorni nostri, essere in grado di venir esposte al pubblico. L’aura che accompagna le fotografie in mostra è qualcosa di indescrivibile, la consapevolezza di trovarsi davanti a autentici pezzi unici è chiara. Fotografia Zeropixel è indiscutibilmente una mostra di opere d’arte.

Il roseto
0 0 0
Libri Moderni

Pertoldeo, Andrea - Frongia, Antonello

Il roseto ; Esercizi sui piccoli luoghi / Andrea Pertoldeo, Antonello Frongia

Macerata : Quodlibet, 2022

Abstract: Un luogo qualunque, un brano di natura ordinaria ai margini del mondo abitato. Null’altro che biancore di neve che si scioglie al sole, in una giornata di luce. Esili arbusti, rami contorti di rose selvatiche che si protendono nell’aria limpida di un tardo inverno. Una sequenza di trentotto fotografie, trentotto esercizi di precisione sul guardare e sull’attenzione: riflessioni silenziose, passo dopo passo, sullo spazio, la luce, i colori del giorno. Un saggio in sei parti, che muove a ritroso da queste immagini per meditare sulla gravitas della fotografia nella modesta esistenza dei piccoli luoghi.

Les photos qu'elle ne montre à personne
0 0 0
Libri Moderni

Blauwer, Katrien de

Les photos qu'elle ne montre à personne / Katrien de Blauwer

Paris : Éditions Textuel, 2022

Abstract: Qualunque cosa facciate, non dite a Katrien de Blauwer che fa collage: “Diciamo che sono una fotografa senza macchina fotografica”. Ritaglia, incolla, riassembla, colora e manipola fotografie tratte da riviste che colleziona e di cui è in costante ricerca. Il suo lavoro, come in un processo di editing per un film, è caratterizzato da un’intensa carica narrativa. “Les Photos Qu’elle ne Montre à Personne” (“le fotografie che lei non mostra a nessuno”), unisce dieci anni di progetti accumunati dal tema della memoria. Al contempo intimi e anonimi, i suoi lavori svelano scenari possibili per ciascuno di noi. La giustapposizione dei diversi ritagli, che spesso sfocia in sovrapposizione, crea universi di forme e colori in cui il lettore è chiamato a perdersi, dando origine di volta in volta ad una narrazione diversa che scaturisce dai meandri della memoria.