Community » Forum » Recensioni

I  fantasmi di Challant
1 1 0
Mancinelli, Laura

I fantasmi di Challant

Torino : Einaudi, c2004

Abstract: Una trappola. Il compassato capitano a riposo Florindo Flores cade all'inizio del romanzo in una vera e propria trappola. Attirato nel castello valdostano degli Challant da una bella contessa della collina torinese, si trova in men che non si dica prigioniero in quel luogo funesto, abbandonato a se stesso in cima a una torre. La contessa si è dileguata di fronte a un tramonto spettacolare senza dargli nemmeno il tempo di accorgersene. Ma quella donna diabolica ha seminato qua e là qualche indizio, perché vuole che il capitano dia l'avvio a una caccia al tesoro molto speciale, tra quelle mura antiche: deve trovare uno scrigno d'argento nascosto chissà dove. E Florindo Flores lo troverà, quello scrigno, e scoprirà che esso custodisce un tesoro davvero sui generis: un teschio. A chi appartengono quei miseri resti custoditi come una reliquia? Quel mistero tutto medievale, dietro cui si annidano una vicenda di persecuzioni religiose e una storia d'amore e morte, sarà risolto con mezzi moderni e antichi insieme: grazie a vecchie canzoni popolari, leggende paesane, preghiere; con l'aiuto di un filologo, di un archeologo, di un produttore di grappa e soprattutto di una germanista costretta in sedia a rotelle, alle cui spalle sorride con grazia divertita l'autrice di questo stesso libro, capace di trasformare pagina dopo pagina il suo sapere in una narrazione ipnotica e avvincente.

1293 Visite, 1 Messaggi
ccm8687
22 posts

Niente a che vedere con altri romanzi della stessa autrice, come ad esempio "I dodici abati di Challant".
 

  • «
  • 1
  • »

1149 Messaggi in 1063 Discussioni di 214 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online