Community » Forum » Recensioni

Ballata dell'odio e dell'amore
3 1 0
IGLESIA, Alex : de la

Ballata dell'odio e dell'amore

[S.l.] : Cecchi Gori Home Video, 2013

Abstract: Spagna, 1937. Arruolato a forza nella milizia di Franco, il Clown Stupido fa col machete una strage di franchisti in divisa. Nel 1973, due anni prima della morte del dittatore, suo figlio Javier trova lavoro come Clown Triste in un circo dove incontra Sergio, clown sfigurato come lui. Spinti da rabbia, disperazione, desiderio i due si battono a morte per la trapezista Natalia, bella e crudele. 7ª regia del basco de la Iglesia che l'ha scritto e prodotto, è il suo film più ambizioso sul piano sociopolitico: una riflessione grottesca e parossistica sulla tetra atmosfera di morte del quarantennio franchista. Le iperboli si moltiplicano. Da ricordare almeno il protagonista che, usato da un gerarca come un cane da caccia, morde la mano al Generalissimo, e il fantasmagorico finale. In altalena tra pop e trash, melodramma, riflessione storica e humor nero, gli omaggi a Fellini e quelli a Tim Burton, non lascia scelta allo spettatore: prendere o lasciare. Leone d'argento e premio alla sceneggiatura a Venezia 2010. [Il Morandini : dizionario dei film / Laura, Luisa, Morando Morandini. – Zanichelli, 2013].

1027 Visite, 1 Messaggi
ccm15956
150 posts

Grottesco, eccessivo, iperbolico, fantasmagorico, si spinge sempre di poco oltre i limiti e da questo nasce una certa sua qual debolezza. Comunque da vedere.

  • «
  • 1
  • »

1155 Messaggi in 1069 Discussioni di 214 utenti

Attualmente online: Ci sono 4 utenti online