808.543

(Classe)

Trovati 4 documenti.

Perché le storie ci aiutano a vivere
0 0 0
Libri Moderni

COMETA, Michele

Perché le storie ci aiutano a vivere : la letteratura necessaria / Michele Cometa

Milano : Raffaello Cortina, 2017

Saggi

Abstract: Non sappiamo perché e come l'Homo sapiens abbia sviluppato la capacità di costruire storie. Possiamo però ipotizzare come presumibilmente siano andate le cose. Cioè come un ominide abbia sviluppato la facoltà di narrare storie e come queste lo abbiano avvantaggiato tra tutte le specie. Si tratta dunque di studiare la narrazione, la fiction e la letteratura nel contesto della teoria dell'evoluzione e delle scienze cognitive, prendendo le mosse dalle recenti acquisizioni dell'archeologia cognitiva che mettono in relazione la produzione di utensili e lo sviluppo di capacità narrative. Si comprende così che la narrazione ha un ruolo decisivo nella costituzione del Sé e delle sue protesi esterne, come da tempo sostengono i teorici della mente estesa e della cognizione incarnata. Questo studio si inserisce nel quadro più ampio di una teoria biopoetica della narrazione e di un'antropologia filosofica che non trascura il bios rispetto allo spirito. Per questo, categorie fondamentali come la compensazione e l'esonero possono essere rilette in chiave evoluzionistica e fornire alcune spiegazioni del comportamento narrativo dell'Homo sapiens: il riequilibrio dei suoi deficit funzionali ed esistenziali e il contenimento dell'ansia.

Divertirsi a raccontare storie : suggerimenti,tecniche ed idee creative per genitori, insegnanti, attori ed appassionati, alla riscoperta di questa antica arte / Marsh Cassady ; illustrazioni di Marco Legumi ; traduzione di Alessia Porcu
0 0 0
Libri Moderni

CASSADY, Marsh

Divertirsi a raccontare storie : suggerimenti,tecniche ed idee creative per genitori, insegnanti, attori ed appassionati, alla riscoperta di questa antica arte / Marsh Cassady ; illustrazioni di Marco Legumi ; traduzione di Alessia Porcu

Vicenza : Troll Libri, c1996

L'istinto di narrare
0 0 0
Libri Moderni

Gottschall, Jonathan

L'istinto di narrare : come le storie ci hanno reso umani / Jonathan Gottschall ; traduzione di Giuliana Olivero

Torino : Bollati Boringhieri, 2014

Nuovi saggi Bollarti Boringhieri ; 20

Abstract: Passiamo più tempo immersi in un universo di finzione che nel mondo reale. "L'isola che non c'è" è la nostra vera nicchia ecologica, il nostro habitat. Nessun altro animale dipende dalla narrazione quanto l'essere umano, lo "storytelling animal". Questo strano comportamento, che ci porta a mettere al centro della nostra esistenza cose che non esistono, è innato e antichissimo; ci sono segni di finzione fin dai primordi dell'umanità e basta osservare un bambino nel suo quotidiano gioco del "facciamo finta che" per capire che si tratta di un istinto primordiale, che ha già dentro di sé quando viene al mondo. Ma a che scopo? Jonathan Gottschall studia la narrazione da molti punti di vista e ha un'idea originale e affascinante per spiegare come si sia sviluppata questa strana abilità. Appoggiandosi, da letterato, alle ricerche più avanzate della biologia e delle neuroscienze, Gottschall evoca i ben tangibili vantaggi del mondo fantastico, e lo fa con il piglio del grande narratore. Raccontando storie, ad esempio, i bambini imparano a gestire i rapporti sociali; con le fantasie a occhi aperti esploriamo mondi alternativi che sarebbe troppo rischioso vivere in prima persona, ma che risulteranno utilissimi nella vita reale; nei romanzi e nei film cementiamo una morale comune che permette alla società di funzionare col minimo possibile di contrasti; e poi è provato che la letteratura ci cambia, fisicamente e in meglio.

Futuro anteriore
0 0 0
Libri Moderni

Carmassi, Paolo - Lucchini, Alessandro

Futuro anteriore : il metodo per prefigurare e narrare il cambiamento, prima che avvenga / a cura di Paolo Carmassi e Alessandro Lucchini ; in collaborazione con Bianca Borriello ... [et al.]

Milano : Palestra della scrittura, 2015

[Centopagine]

Abstract: Chi di noi racconterebbe un momento importante della propria vita, personale o professionale, come una lista, come un elenco di fatti? E chi vorrebbe ascoltarlo? Raccontiamo emozioni. Sorpresa. Cambiamento. Il potere della narrazione sta nella sua differenza dal ragionamento logico-analitico: il racconto è caldo, coinvolgente, evocativo, immaginifico. È un linguaggio che arriva subito al cuore. Futuro anteriore è un metodo, uno strumento che consente di tracciare il percorso di cambiamento cui aspiriamo, quasi come se questo fosse già avvenuto. E lo fa utilizzando il potere delle storie: quello di attivare allo stesso tempo processi cognitivi ed emozionali, facendo lavorare in sintonia entrambi gli emisferi del cervello. La negoziazione di una trama comune, che unisca gli aspetti razionali ed emotivi di un cambiamento, è il primo passo per costruire un'identità, individuale od organizzativa. Costruire questa trama come se fosse già memoria è, come dice Calvino, "un incantesimo che agisce sulla durata".