306.094 5

(Classe)

Trovati 18 documenti.

Questa nostra Italia
0 0 0
Libri Moderni

Augias, Corrado

Questa nostra Italia : luoghi del cuore e della memoria / Corrado Augias

Torino : Einaudi, 2017

Abstract: A dispetto delle tante divisioni, storiche e attuali, c'è qualcosa che ci accomuna come italiani. Una serie di tratti che ci rendono immediatamente riconoscibili in qualsiasi luogo del mondo; nel male ma anche nel bene. Corrado Augias ci accompagna in un viaggio alla scoperta di ciò che definisce il nostro carattere nazionale. Un viaggio particolare, che procede nello spazio e nel tempo, dall'attualità alla ricostruzione storica, passando per il racconto biografico. Ci si sposta dall'infanzia dell'autore vissuta tra la Libia e Roma occupata, alle sue esperienze come corrispondente estero per i grandi quotidiani. Ci si muove in lungo e in largo per la penisola, dalla Milano del teatro alla Trieste di confine, transitando per Bologna dove il Nord incontra il Sud, poi Roma e Napoli per arrivare a Palermo, alle porte di un'altra civiltà con cui da sempre abbiamo dialogato. Ma c'è anche l'Italia di provincia, c'è la Recanati di Giacomo Leopardi, ispiratore e guida in un itinerario che segue le tracce del suo Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani. Si incontrano le testimonianze di grandi scrittori e poeti che all'Italia come nazione hanno dato volto, carattere e lingua prima ancora che esistesse uno Stato. Ciò che resta alla fine del viaggio è una sensazione di sorpresa: la scoperta di aspetti che riflettono un paese diviso ma ricco di enormi potenzialità alle quali raramente accade di pensare.

Rinascimento
0 0 0
Libri Moderni

Sgarbi, Vittorio - Tremonti, Giulio

Rinascimento / Vittorio Sgarbi, Giulio Tremonti

Milano : Baldini&Castoldi, 2017

I saggi

Abstract: “Stiamo vivendo un neo-medioevo culturale e occorre ricominciare a credere nella bellezza. Come nel Medioevo le tradizioni e le superstizioni avevano prodotto una quasi impenetrabile rete di vincoli e remore, così oggi le nuove superstizioni, prodotto artificiale della moderna civiltà ipertecnologica e postmoderna, si calano sulla realtà nella forma di una ragnatela ugualmente fitta di nuove infinite regole e inutili e sovrapposte servitù, di artificiose e forzose convenzioni ideologiche, politiche, culturali, tutte comunque capaci di impedire la piena realizzazione dello spirito umano e della convivenza civile. Ci si può liberare da questi vincoli, ma solo a partire da un nuovo Rinascimento, perché come nel passato la politica e l'arte tornino a essere lotta per la libertà contro la tirannide, ma anche antitesi e rivoluzione come costruzione dell'avvenire..." Con queste parole si apre un originale manifesto culturale e politico scritto a quattro mani, e destinato a far discutere: da una nuova idea di Europa al problema dei migranti, dallo Ius Soli al recupero e alla valorizzazione dei beni artistici come risposta virtuosa nata dal terremoto di un anno fa. Un dialogo colto e brillante che si muove fra economia e arte, filosofia e attualità e insieme un libro pieno di soluzioni concrete perché l'Italia torni a dispiegare, con Dante, "le ali al folle volo".

La vita è un viaggio
0 0 0
Libri Moderni

Severgnini, Beppe

La vita è un viaggio / Beppe Severgnini

Milano : Rizzoli, 2014

Abstract: La vita è un viaggio, e gli italiani viaggiano soli. Com'è difficile trovare chi ci guidi, chi ci accompagni, chi ci incoraggi. Siamo una nazione al valico: dobbiamo decidere se dirigerci verso la normalità europea o tornare indietro. Siamo un Paese incerto tra immobilità e fuga. Fuga all'estero, fughe tra egoismi e piccole ossessioni che profumano di anestetico (ossessioni tecnologiche, gastronomiche, sportive, sessuali). "La vita è un viaggio" non vuole indicare una meta. Prova invece a fornire qualche consiglio per la traversata. Suggerimenti individuali, non considerazioni generali (o, peggio, generiche). La destinazione la decide chi viaggia. Ma una guida, come sappiamo, è utile. Per partire non servono troppe parole: ne bastano venti, come i chilogrammi di bagaglio consentiti in aereo. Parleremo di insegnamento, incoraggiamento, ispirazione. Parleremo di brevità e precisione, qualità indispensabili in questi tempi affollati. Parleremo dell'importanza di trovare persone di riferimento. Parleremo della gioia d'impegnarsi con gli altri e, magari, per gli altri. Parleremo della saggezza di scoprire soddisfazione nelle cose semplici. Parleremo di scelte, atteggiamenti, comportamenti, insidie da evitare e consolazioni a portata di mano. Dopo "Italiani di domani", un nuovo libro come navigatore. Un navigatore ironico, affettuoso e preciso. L'autore, ancora una volta, riesce a intuire il momento dell'Italia, le sue ansie e le sue possibilità: e lo fotografa con implacabile lucidità.

Il rancore
0 0 0
Libri Moderni

Bonomi , Aldo - Bonomi , Aldo

Il rancore : alle radici del malessere del Nord / Aldo Bonomi

Milano : Feltrinelli, 2008

Serie bianca

Abstract: Sono ormai vent'anni che il Nord, la parte più dinamica e ricca del paese, manifesta in vari modi il proprio disagio. In passato lo ha fatto affidando con forza la delega politica a un partito che esprimeva gli interessi del territorio regionale, la Lega Nord. Oggi invece manifesta il suo rancore con un atteggiamento di sfiducia nel complesso del mondo politico, e in particolare nei confronti dei partiti di centro-sinistra. La politica viene accusata di essere troppo lenta nel risolvere i problemi posti dallo sviluppo produttivo, ma anche di avere un atteggiamento vessatorio, per esempio sulla questione fiscale generale e soprattutto nei confronti del cosiddetto "mondo delle partite Iva" (ormai circa sette milioni in tutta Italia). Il Nord in realtà si trova di fronte a una sfida importante perché sotto sforzo per poter competere a livello mondiale. Per fare questo, la richiesta è rivolta affinchè la politica tenda a riterritorializzarsi: non ha difatti bisogno di una politica "di sorvolo", ma di accompagnamento concreto dei territori in Europa e nel mondo.

Gestire la cultura : identikit delle professioni nel settore dei beni culturali / una ricerca dell'Istituto Luigi Sturzo ; a cura di Bondardo Comunicazione
0 0 0
Libri Moderni

Gestire la cultura : identikit delle professioni nel settore dei beni culturali / una ricerca dell'Istituto Luigi Sturzo ; a cura di Bondardo Comunicazione

Milano : Il Sole 24 ore, 2002

Abstract: Oggi più che mai i beni culturali hanno bisogno di esperti in campi diversi che vanno dall'amministrazione, alla finanza, alle nuove tecnologie. Partendo dai risultati dell'indagine realizzata dall'Istituto Luigi Sturzo su un campione rappresentativo di istituzioni culturali italiane. Questa pubblicazione si propone di rispondere ad una precisa domanda espressa dal mercato delle conoscenze: identificare le competenze tecnico-operative necessarie per una gestione efficace dei processi di trasformazione che investono oggi le organizzazioni culturali.

TIC : Tipi Italiani Contemporanei / Camilla Baresani, Renato Mannheimer
0 0 0
Libri Moderni

Baresani, Camilla

TIC : Tipi Italiani Contemporanei / Camilla Baresani, Renato Mannheimer

Milano : Bompiani, 2006

Abstract: Come in un film a episodi della più classica e godibile commedia all'italiana, ecco scorrere in questo libro una varietà di personaggi perfettamente inseriti e rappresentativi dell'Italia contemporanea, colti in una loro giornata tipo: undici racconti scritti da Camilla Baresani, corredati dalle notazioni psico-sociologiche di Renato Mannheimer. Questo volume si avvale infatti della penna di volta in volta affettuosa o poco indulgente di una scrittrice, e delle documentate e ironiche incursioni di un sociologo, unite per raccontarci un'Italia più autentica degli impersonali profili correnti.

L' onorata società
0 0 0
Libri Moderni

Abbate, Carmelo <1971-> - Mangiaterra, Sandro

L' onorata società : dal commercio alla sanità, dai trasporti alle professioni, caste e baroni dell "Italia che lavora" / Carmelo Abbate, Sandro Mangiaterra

Milano : Piemme, 2009

Abstract: Hai voglia a dire che per contrastare l'inefficienza italiana bisogna fare le riforme. Lo ripetono tutti, incessantemente. Ma poi le riforme, quelle vere, non si fanno. Colpa della politica? Senz'altro. Ma quella raccontata in queste pagine è un'altra storia. Corporazione per corporazione, questa è un'odissea illuminante tra figli di, salotti buoni, intrecci perversi. Perché se le cause dell'inefficienza italiana hanno mille nomi - gerontocrazia, nepotismo, corporativismo... - questo viaggio nella cupola dell' "Italia che lavora" fa finalmente anche i cognomi: professionisti, imprenditori, uomini di finanza, docenti universitari, baroni della medicina. Conoscete Giacomo Leopardi? Non il poeta, un suo omonimo, meno famoso ma sicuramente più potente: l'uomo che alla guida dell'Ordine nazionale dei farmacisti ha fatto il diavolo a quattro appoggiando la serrata dei camici bianchi. Avete mai sentito parlare di Dino Abbascià, il Leone di Bisceglie? Difficile. Eppure è lui che guida la fronda dei commercianti alimentari. E che dire di Riccardo Pedrizzi, il superlobbista delle assicurazioni? O di Giuseppe Roteili, il re della sanità privata? E di cento altri sconosciuti ai più? Come funziona il partito degli appalti? E perché gli aerei non volano e i treni non arrivano in orario? Allineando vicende che fanno indignare e storie che ci costringono a sbellicarci di amare risate, questa inchiesta dimostra perché, con tutta evidenza, la salvezza non giungerà dalla tanto celebrata società civile.

 Da pochi a pochi : appunti di sopravvivenza / Goffredo Fofi
0 0 0
Libri Moderni

Fofi, Goffredo

Da pochi a pochi : appunti di sopravvivenza / Goffredo Fofi

[Milano] : Elèuthera, c2006

Abstract: Che fare? L'eterna domanda. Le mutazioni ci travolgono e cambiano il mondo senza quasi che ce ne accorgiamo. La politica è diventata pratica di occupazione delle istituzioni e dei luoghi di potere da parte di gruppi che si accusano vicendevolmente di corruzione... i movimenti nascono e muoiono velocissimamente e mandano i loro leader in parlamento... il terzo settore, il volontariato e le ONG pensano al benessere proprio più che a quello di chi dovrebbero assistere... i media sporcano tutto ciò che toccano e aumentano la confusione e la dipendenza dal "sistema"... Goffredo Fofi, bastian contrario di sempre, cerca i modi per capire e districarsi, nel rifiuto di considerare separati il pensiero e l'azione. Cosa possono le minoranze, "lucidamente perdenti"? quali sono oggi quelle "frequentabili"? come trasmettere ad altri i valori e l'esempio di quelle più degne, di ieri e di oggi? come gridare nelle circostanze attuali il nostro "non accetto"? Appunti di critica sociale e di polemica politica. Appunti, anche, di letteratura e cinema, giornalismo e televisione... Appunti, tutti, di indignazione etica ed estetica. (Fonte: IBS) br br

Il  paese dei paradossi : le basi sociali della politica in Italia / a cura di Nicola Negri e Loredana Sciolla
0 0 0
Libri Moderni

NEGRI, Nicola

Il paese dei paradossi : le basi sociali della politica in Italia / a cura di Nicola Negri e Loredana Sciolla

Roma : La nuova Italia scientifica, 1996

Studi superiori NIS. I problemi della sociologia ; 320

Abstract: I modelli interpretativi delle dinamiche politiche italiane più diffusi negli anni Ottanta hanno iniziato a mostrare i propri limiti. L'analisi sistemica, efficace nell'analizzare la staticità del nostro sistema e nel formulare proposte di ingegneria costituzionale, sembra poco adeguata a rendere conto dei cambiamenti politici che hanno sconvolto la geografia elettorale, provocato il crollo dei partiti, favorito l'emergere di nuove forze politiche. Le tre parti che compongono il volume presentano i contributi di autori che da decenni riflettono sulle trasformazioni della struttura della società italiana e che in questa sede propongono categorie e chiavi di lettura per ripensare il rapporto tra società e politica in Italia.

La  società italiana / Alberto Martinelli, Antonio M. Chiesi
0 0 0
Libri Moderni

MARTINELLI, Alberto

La società italiana / Alberto Martinelli, Antonio M. Chiesi

Roma ; Bari : Laterza, stampa 2002

Manuali Laterza ; 157

Abstract: L'Italia è un paese moderno? Quali sono le principali differenze e le somiglianze rispetto agli altri paesi occidentali sviluppati e in particolare ai partner europei? Il libro risponde a queste domande analizzando la profonda trasformazione della società italiana innescata nella seconda metà del secolo Ventesimo prima della rapida industrializzazione di un paese in gran parte agricolo e poi da una precoce terziarizzazione. La velocità e il ritardo di questa trasformazione hanno comportato una serie di contraddizioni, nella sfera economica, sociale, culturale e nel sistema dei valori condivisi, hanno elevato i livelli di aspettativa collettivi e originato lo scoppio di conflitti che fanno dell'Italia un caso di modernizzazione diseguale.

Tic : tipi italiani contemporanei / Camilla Baresani, Renato Mannheimer
0 0 0
Libri Moderni

Baresani, Camilla

Tic : tipi italiani contemporanei / Camilla Baresani, Renato Mannheimer

Milano : Bompiani Overlook, 2006

Abstract: Come in un film a episodi della più classica e godibile commedia all'italiana, ecco scorrere in questo libro una varietà di personaggi perfettamente inseriti e rappresentativi dell'Italia contemporanea, colti in una loro giornata tipo: undici racconti scritti da Camilla Baresani, corredati dalle notazioni psico-sociologiche di Renato Mannheimer. Questo volume si avvale infatti della penna di volta in volta affettuosa o poco indulgente di una scrittrice, e delle documentate e ironiche incursioni di un sociologo, unite per raccontarci un'Italia più autentica degli impersonali profili correnti.

Popstar della cultura
0 0 0
Libri Moderni

Trocino, Alessandro

Popstar della cultura : la resistibile ascesa di Roberto Saviano, Giovanni Allevi, Carlo Petrini; Beppe Grilo, Mauro Corona e Andrea Camilleri / Alessandro Trocino ; prefazione di Antonio Pascale

Roma : Fazi, 2011

Le terre ; 213

Abstract: Cosa hanno in comune Roberto Saviano, Giovanni Allevi, Beppe Grillo, Carlo Petrini, Andrea Camilleri e Mauro Corona? Quali logiche concorrono a esaltare alcune persone rispetto ad altre? Chi sono le popstar della cultura? Semplici testimonial, intellettuali organici alle caste oppure fotogeniche incarnazioni del talento e dell'impegno civile? Attraverso le testimonianze di estimatori e detrattori, i documenti e le opere, il libro racconta la parabola di sei personaggi che, in campi diversi, sono arrivati sul piedistallo più alto della celebrità. Il viaggio tra i "Venerati Maestri" è anche il pretesto per raccontare l'Italia, per smontare i meccanismi mediatici e divistici di un paese in cui l'inclinazione al conformismo, la profusione di retorica apocalittica, la delega delle responsabilità, la ricerca del guru di turno e il presenzialismo hanno azzerato il pensiero critico e la capacità di ragionare sui contenuti. Perché, se è vero che la cultura di questi anni è stata monopolizzata dal berlusconismo imperante, è altrettanto vero che la sinistra, orfana dei suoi intellettuali di una volta, ha ceduto di schianto e "ha ormai cambiato pelle. Dall'egemonia culturale di impronta gramsciana all'industria culturale di Horkheimer e Adorno, fino all'attuale strapotere del marketing editoriale, il salto è stato lungo. In mezzo si è costituito un universo contaminato e franto, nel quale destra e sinistra si sono spesso confuse in un abbraccio poco virtuoso". Con una Prefazione di Antonio Pascale.

Vicino e distante : gente, ambienti, salotti, usi, costumi: impressioni sull'Italia di ieri e di oggi / Camilla Cederna
0 0 0
Libri Moderni

Cederna, Camilla

Vicino e distante : gente, ambienti, salotti, usi, costumi: impressioni sull'Italia di ieri e di oggi / Camilla Cederna

3. ed

Milano : Mondadori, 1985

Anni 70 for dummies
0 0 0
Libri Moderni

Biagi, Valerio

Anni 70 for dummies / Valerio Biagi, [prefazione di] Gianni Fantoni

Piombino : Il Foglio, 2008

Abstract: A spasso nel tempo E se, non si sa bene per quale bizzarra casualità temporale, una mattina ci (ri)svegliassimo negli anni ’70? Panico sicuro e smarrimento per le nuove generazioni, abituate a cellulari e playstation, ma grande divertimento per tutti i nati tra la fine dei ’60 e l’inizio dei ’70, che si troverebbero a rivivere un decennio particolare e mai dimenticato. “Anni 70 for dummies” di Valerio Biagi è il manuale perfetto e indispensabile per uscire vivi (o almeno per non essere travolti) da quest’improbabile viaggio a ritroso nel tempo. Ma è anche un eccellente catalizzatore di ricordi, un archeologo della memoria in grado di recuperare tesori sepolti dall’oblio. Suddiviso in 29 “lezioni”, questo delizioso vademecum mette sul piatto pezzi da 90 (anzi da 70) e chicche impensabili, il tutto infarcito di riferimenti e citazioni. Qualche esempio? Si parte dal 90° minuto di Valenti (ricordate la sigla con gli spettatori che, velocizzati, prendevano posto sulle tribune dello stadio?) per poi raccontare di Big Jim e dei suoi nemici, degli ultimi “Caroselli”, del Subbuteo e dei borselli in pelle, delle enciclopedie “I Quindici” o “Conoscere”, delle autopiste Polistil o dei motorini Ciao. Splendida la copertina, brillante lo stile di Biagi, impeccabile l’edizione del Foglio. Per i 30 - 40enni, un regalo (di Natale, compleanno, onomastico) quasi obbligatorio. [Giovanni Scalambra]

 Senti chi parla : viaggio nell'Italia che predica bene e razzola male / Mario Giordano
0 0 0
Libri Moderni

Giordano, Mario

Senti chi parla : viaggio nell'Italia che predica bene e razzola male / Mario Giordano

Milano : Mondadori, 2007

Frecce

Abstract: Ci sono sempre più maestri in giro. Ma avranno la licenza per insegnare? Questo libro è un piccolo viaggio nelle contraddizioni di chi predica bene e razzola male: in un'epoca di crescente neomoralismo, è facile scoprire che molti di coloro che salgono sul pulpito e giudicano le pagliuzze negli occhi altrui nascondono delle travi sotto le loro palpebre. Mario Giordano colpisce a 360 gradi: dai grandi predicatori televisivi come Celentano, Grillo e Bonolis ai giornalisti che commettono errori clamorosi, dagli economisti agli industriali, dai politici ai prelati, dai sindacalisti agli ecologisti, dai sondaggisti agli sportivi e ai mostri sacri della cultura. Vittorio Sgarbi, Michele Serra, Massimo Moratti, Luca Cordero di Montezemolo, Umberto Eco, Giuliano Ferrara, nessuno verrà risparmiato. (Fonte: IBS) br

Gli anni che non stiamo vivendo
0 0 0
Libri Moderni

Scurati, Antonio

Gli anni che non stiamo vivendo : il tempo della cronaca / Antonio Scurati

Milano : Bompiani, 2010

Overlook

Abstract: Dal delitto di Cogne a quello di Garlasco, dalla strage di Columbine a quella di Erba, dalla Prima guerra del Golfo al terrorismo mediatico, i funerali di Giovanni Paolo II e l'elezione di Barack Obama, l'allarme pedofilia e l'emergenza ambientale, il nichilismo sessuale e quello giovanile, e poi gli outlet, i centri benessere, le sale massaggi, le badanti rumene e le badanti oscene. Raccontando una serie di clamorosi casi di cronaca e analizzando i nuovi miti d'oggi, Antonio Scurati offre una mappatura del presente - dei suoi vizi, dei suoi limiti, delle sue inconsistenze. Con sguardo lucido e impietoso, con forza etica e polemica, con affilata sensibilità letteraria, Scurati riflette sulla trasformazione della nostra società, caratterizzata da un tempo che si consuma nella frammentazione e nell'istantaneità, senza darci modo di capirlo. E neanche di viverlo. Quando, infatti, si è condannati a vivere nell'istante, quando non c'è altro orizzonte che il presente, nessun Carpe Diem è più possibile. Non a caso, in questa nuova dimensione dell'effimero trionfante, sembra che la cultura, la letteratura e gli intellettuali non abbiano più niente da dire. Che la loro voce non abbia abbastanza forza di fronte al volume delle voci televisive. Ma non è così. E questo libro ce lo dimostra.

Irrazionalpopolare
0 0 0

Mastrantonio, Luca - BONAMI, Francesco

Irrazionalpopolare : da Bocelli ai Suv : viaggio tra gli incomprensibili miracoli d'Italia / Luca Mastrantonio, Francesco Bonami

Torino : Einaudi, [2008!

Gli struzzi ; 646

Abstract: Siamo passati dal nazionalpopolare irrisolto all'irrazionalpopolare attraverso una società dello spettacolo sempre più integrale, liberamente totalitaria, attivamente demagogica. L'avanguardia ha fatto scuola, la cattiva maestra e le sue assistenti sono le nuove muse. C'è informazione più che formazione, situazione e non circostanza, divertimento più che intendimento, de-costruzione e non invenzione. Di un cretino patentato con due apparizioni tv si dice "Guarda che non è uno stupido". Se diventa ospite fisso si dice "Bisogna dire che è bravo". Nell'irrazionalpopolare è bello ciò che piace senza un motivo. Anzi, è proprio la mancanza apparente di un motivo a rendere qualcosa incredibilmente più bella. E bello ciò che piace "agli altri come me" e senza un motivo apparente si prova a capire perché. Contribuendo alla crescita del suo successo. Per capire lo si penetra e se ne viene penetrati. Contagiati. Il bello, come il segnale della telefonia mobile, è tutto intorno a noi. Ed è anche dentro di noi, anche se non è nostro. La gara è con il tempo, a vivere ciò che crediamo bello, a fissarlo su un supporto tecnologico: attimo fermati perché voglio capire se sei bello. Novelli Faust incerti ma risoluti, ci basta una macchina fotografica digitale per catturare e riprodurre all'infinito quello che ci piace. Perché viviamo in una società dove regna un imperativo categorico di natura estetica: compiacersi.

La deriva
0 0 0
Libri Moderni

Stella, Gian Antonio - Rizzo, Sergio

La deriva : perché l'Italia rischia il naufragio / Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo

Milano : Rizzoli, 2008

Abstract: Dalle infrastrutture bloccate da lacci e lacciuoli di ogni genere all'attività legislativa farraginosa, dai ritardi nell'informatica che ci fanno arrancare dietro la Lettonia agli ordini professionali chiusi a riccio davanti ai giovani, dal declino delle Università-fai-da-te alle rivolte di mille corporazioni, dalle ottusità sindacali ai primari nominati dai partiti: l'Italia è un Paese straordinario che, nonostante la sua storia, le sue eccellenze, i suoi talenti, appare ormai alla deriva. Un Paese che una classe politica prigioniera delle proprie contraddizioni e dei propri privilegi non riesce più a governare. È la tesi di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo: quella Casta, denunciata nel libro che ha rappresentato il più importante fenomeno editoriale degli ultimi anni, non è soltanto sempre più lontana dai cittadini ma è il sintomo di un Paese che non sa più progettare e prendere decisioni forti. E il confronto con gli altri Paesi, senza una svolta netta, coraggiosa, urgente, si fa di giorno in giorno così impietoso da togliere il fiato.